Crea sito

L’ultima volta che sono stata in questo parco una coperta bianca ricopriva tutto e mi divertivo come una bambina a lasciare orme nella neve immacolata. Sono passati 6 mesi, ed eccomi di nuovo in questo parco, sdraiata nell’erba a godermi il sole e il caldo.

The last time I’ve been in this park a white deck was covering everything and I was enjoying myself like a child leaving my footsteps on the candid snow. 6 months have gone, and I’m here again lying down in the grass enjoying the sun and the warm weather.

Sto salutando i posti di questa città che mi sono entrati nel cuore, perché nonostante il lunghissimo inverno che sembrava non finire mai questa città è stata la mia casa per così tanto tempo. Ho imparato a scoprirla, a ritagliarmi i miei angoli nelle lunghe giornate solitarie, ho mostrato le parti che ho adorato alle persone che ho incontrato. Sto dicendo addio a Toronto perché non so quando tornerò, ma non sono ancora pronta a salutare le persone che ho incontrato lungo il mio cammino.

I’m saying goodbye to the places of this city that are now I my heart, because even if the winter has been so long that I couldn’t believe it would have ended this city has been my home for so long. I discovered it, I found my spots in the long lonely days, I showed the parts I loved to the people I met. I’m bidding Toronto farewell because I don’t know when I’ll come back, but I’m still not ready to say goodbye to the people I met along the way.

Ripenso ai momenti prima di lasciare l’Italia, ai pianti, alle giornate frenetiche e disperate perché non sapevo cosa avrei trovato. Ripenso ai momenti di sconforto che ho avuto qui, a tutte le volte che avrei voluto prendere il primo aereo per tornare nella mia casa. E poi penso a come mi sento ora, alle lacrime che stanno rigando il mio viso mentre me ne sto sdraiata sul mio letto in ostello a scrivere (le mie compagne di stanza penseranno che sono matta). Riguardo le foto scattate e a come sono cambiata in questi mesi, a tutte le cose nuove che porto dentro e che non riesco a spiegare a parole. E solo una cosa mi viene da dire: grazie Toronto e grazie Canada per tutto quello che mi hai dato.

I think about the moments spent before leaving Italy, all the tears, the confusing and sad days because I didn’t know what I should expect. I think about the bad moment I’ve had here, all the times that I’d liked to catch the first plane and go back home. And then I think about how I feel now, with drops running along my checks while I’m laying down in my hostel bed writing (my roommates will think I’m totally crazy). I look at the pictures I’ve taken and recognize how I changed in these months, how many new things I have inside and I can’t find the right words to explain. And I can say only one thing: thanks, Toronto, and thanks Canada for all you’ve given me.



  1. It‘s quite in here! Why not leave a response?